Valutazione dello stato nutrizionale
Fattore chiave nello stato generale di salute, al  suo interno racchiude preziosi indicatori che aiutano il medico ad avere un quadro completo riguardante lo stato salutare del paziente.
Oltre agli indispensabili esami che prendono in considerazione i parametri chimici e di laboratorio, va posto in rilievo la raccolta anamnestica, ossia tutte le notizie riguardanti l’assunzione di cibo, le modalità e tempistiche nell’arco temporale delle 24 ore. Questo avviene normalmente attraverso la compilazione di un questionario sulla frequenza dei pasti con domande relative alle categorie di cibi assunti con maggior frequenza e la proposta di compilare un diario alimentare che racchiuda al suo interno le specificazioni.
Al fine di individuare il tipo e il grado di malnutrizione esistono dei parametri traccia su cui poi verrà sviluppato il percorso rieducativo: l’esame obiettivo, l’analisi nutrizionale, la presa visione dei parametri antropometrici (peso, altezza, età, circonferenza arti-vita-fianchi e la valutazione delle masse corporee), verranno altresì presi in considerazione i parametri ematologici e biochimici e sarà eseguita un’analisi plicometrica allo scopo di favorire valutazioni accurate per definire la distribuzione di massa grassa all’interno dell’organismo.